PROVA COSTUME: MA DAVVERO?

prova costume

Ho una bellissima notizia, la prova costume non esiste! Non è altro che una pura mossa di marketing per far vendere più pacchetti dimagranti nei centri estetici, creme anti cellulite e rosari per pregare e sperare nel miracolo.

Anche perché durante tutto l’inverno ci bombardano di pubblicità di patatine, Coca Cola, Nutella e tutto ciò che ha talmente tante calorie che per bruciarle tutte dovremmo spostare la residenza in una palestra. Ma tanto abbiamo tantissimi mesi per buttare giù i chili presi durante le scorte adipose invernali che gli orsi polari dovrebbero prendere lezioni da una donna in piena crisi da cioccolato.

Man mano che si avvicina l’estate iniziano a sparire la Nutella e le altre bombe caloriche, per lasciare il posto ai fanghi d’alga del Mar Morto che il Signor Guam va a raccogliere di persona, assicurandosi che siano quelle giuste per ridurre la cellulite e che nessun ecosistema venga  minacciato. Oppure alle creme che promettono di farci dimagrire dormendo e che sicuramente contengono una sostanza che ci fa sognare Brad Pitt nudo che corre e noi, nell’inseguirlo, perdiamo calorie.

PROVA COSTUME: NON ESISTE E DOVETE CREDERCI

Io sono sempre stata una promotrice della vanità. Perché dobbiamo piacerci, dobbiamo essere vanitose senza per questo pensare di commettere chissà quale peccato. Il peccato lo commettiamo se passiamo le giornate a criticarci allo specchio.

prova costume

Ma passare dal concetto di vanità a quello di prova costume, il passo mi sembra davvero azzardato. Perché nella vita, le prove sono altre.

Come superare indenni la sindrome premestruale, senza commettere omicidi o litigare con il mondo intero che Sgarbi spostati e stai guardare come si fa. Altro che capre.

Non tirare uno schiaffo all’estetista ogni volta che tira una striscia di ceretta. Specialmente in punti dove la ceretta non dovrebbe esserci ma qui la guerra ai peli è diventata peggio di quella di Renzi contro il PD.

Riuscire a fare tutto. Lavorare, pulire casa, accudire figli e animali, essere comunque sempre presentabile. Oltre che donna, madre, amante e amica. Con tutte queste figure in sola persona, mi chiedo come gli uomini possano lamentarsi dei nostri stadi alterni di disturbo della personalità. Ma infondo essere solo un uomo delle caverne, rende tutto più semplice.

prova costume

Insomma Splendori, quello che voglio dirvi, è che nella vita già combattiamo contro tantissime cose, fare la guerra al nostro corpo solo perché vogliono farci credere che non va bene, anche no. Che perdonatemi, ma chi stabilisce i canoni di bellezza? L’unico canone che conosco è quello della Rai, che andrebbe abolito. Figuriamoci se contemplo l’esistenza di canoni di bellezza, oltretutto falsati da un uso sconsiderato di Photoshop.

Potreste approfondire leggendo anche:

ASOS HA DETTO NO A PHOTOSHOP

Perciò, come riuscite a fregarvene di vostra suocera che ancora è convinta di stirare le camicie meglio di voi, fregatevene della prova costume. Indossate il bikini, godetevi il mare e le vacanze, e sorridete il più possibile.

Con affetto,

Paola

Se vuoi regalarti una Consulenza di Immagine su Skype, comodamente seduta sul divano di casa tua, compila il modulo per richiedere informazioni!

Trentenne, milanese, portatrice sana di difetti e curve. Consulente di Immagine dalla nascita, mentre le coetanee leggevano Cioè, lei comprava vestiti per le sue Barbie. Amante del rosso, ne ha fatto il suo stile di vita. Senza rossetto si sente nuda, ama alla follia la sua carlina Dora ed è un’accumulatrice seriale di riviste di moda. Il suo motto è Eat, Wear, Love.